La straniera

di Massimo Camisasca

2017 - Edizioni San Paolo

«Lo scopo di questo piccolo libro è di far amare il corpo di Cristo. Non si può amare Cristo se non si ama la Chiesa».

La Chiesa è diventata una sconosciuta per l’uomo contemporaneo, una straniera, come ha scritto il poeta T. S. Eliot più di ottant’anni fa nei Cori da “La Rocca”. Si parla poco di lei, o meglio, se ne parla in termini politici o scandalistici, perdendo il senso della Chiesa come corpo di Cristo, indissolubile dalla sua persona. E allora come comprendere oggi chi è la Chiesa? Come cercare e amare il suo volto nella storia?
Massimo Camisasca risponde a queste domande puntando al cuore dell’esperienza cristiana: la bellezza dell’amicizia con Cristo. Lo fa ripercorrendo la nascita della comunità ecclesiale al tempo di Gesù, a partire dai primi che lo incontrarono: Maria, i discepoli, le donne, gli apostoli.

Il nostro volto

di Massimo Camisasca

2016 - Edizioni San Paolo

Il fondatore della Fraternità san Carlo descrive la vita delle Fraternità, nel suo trentennale di fondazione, delineando i tratti del suo presente e del suo futuro. Pubblichiamo la prefazione dell’autore

Con queste pagine voglio lasciare ai miei fratelli e alla Chiesa il racconto di ciò che è stata per me l’esperienza della nascita e dei primi trent’anni di vita della Fraternità san Carlo. Sono tornato sulle origini della nostra storia più volte e in numerosi testi. È sempre necessario che sia così. Le nostre parole cercano di descrivere la vita, ma non possono mai esprimerne l’infinita ricchezza. Ogni testo guarda al passato, al presente e anche al futuro, tempo in cui le esperienze si esprimeranno in una nuova maturità.

Ho scritto queste pagine tra il 2010 e l’inizio del 2012. non immaginavo assolutamente che di lì a poco la volontà del papa mi avrebbe portato lontano, chiamandomi a diventare vescovo di Reggio Emilia-Guastalla. Queste parole sarebbero perciò diventate quasi la sintesi di tutto ciò che avevo vissuto con i miei fratelli dal 1985 in avanti.

È nato così un piccolo libro, volutamente sintetico, che esige meditazione e riflessione. Ciò che è detto in modo breve richiede un lavoro, ma meglio si adatta a ogni spirito. Penso che questo testo sarà utile anche alle generazioni che verranno e sarà testimonianza del mio pensiero sulle questioni fondamentali che riguardano la vita e la natura della nostra Fraternità. Perché siamo nati? Che cos’è la Fraternità san Carlo? Qual è il volto a cui dobbiamo mantenerci fedeli? Nel 2005 sono nate le Missionarie di san Carlo. È stato un avvenimento di grande importanza per tutta la Fraternità. All’inizio, come sempre accade, un evento quasi inavvertito dai più. Le Missionarie sono un istituto dotato di un proprio governo, ma si riconoscono unite a noi nel riferimento al carisma di don Luigi Giussani. La mia riflessione ha tenuto presente perciò anche la loro nascita ed espressamente ne ho parlato in un capitolo a loro dedicato. Anche a loro è affidato questo testo: in esso sapranno riconoscere ciò che le descrive e potranno integrarlo con altre parole, relative alla loro esperienza.

Dal settembre 2012, come ho detto, sono stato chiamato da Benedetto XVI a diventare vescovo di Reggio Emilia-Guastalla. Una nomina che non avevo previsto. Sono entrato così in una nuova fase della mia vita, in cui sono sciolto da una responsabilità giuridica verso la Fraternità san Carlo. Il mio tempo è ora tutto per la Chiesa di Reggio. Alcune volte all’anno parlo ancora alla Fraternità. Incontro i superiori e i seminaristi. Rimane intatta la mia paternità che si esercita ora in modo nuovo, sacrificato, ma non meno concreto.

Le pagine che seguono sono anche l’espressione della mia gratitudine a tutti coloro che hanno condiviso con me l’esperienza della Fraternità e a cui devo il maturare della coscienza cristiana che mi è stata donata.

M.C.

I misteri di Maria

di Massimo Camisasca

2015 - San Paolo

«In Maria vediamo l’immagine vivente dell’uomo e della donna che credono; guardando a lei possiamo capire come stare di fronte a Gesù, come vivere con lui, come seguirlo».

Questo libro di Massimo Camisasca, che si presenta sotto la forma di “piccole meditazioni” e che l’autore stesso definisce “piccolo libro”, è piccolo solo perché non è voluminoso ma è grande per il tema che affronta, i Misteri di Maria, ed efficace quanto al modo con cui la figura della Madonna viene presentata.
Il libro ripercorre la vita di Maria attraverso le tappe più significative del suo percorso (annunciazione, visita ad Elisabetta, nascita di Gesù, fuga in Egitto…) e ripropone alcune note preghiere (l’Ave Maria e la Salve Regina) e antifone con le quali la Chiesa, nel corso dei secoli, ha ricordato, chiesto aiuto, invocato protezione a Maria e cantato le sue lodi anche con tratti di alta poesia (da una recensione di Eugenia Scabini).

Caro don Massimo

di Massimo Camisasca

2014 - San Paolo

Massimo Camisasca risponde con schiettezza e profondità alle domande dei bambini.

Quanto è grande Dio e arriva con i piedi per terra? Sono più importante io o Dio? In paradiso si diventa vecchi o si rimane giovani? Perché Gesù mi ha fatto nascere? Non c’è cosa più naturale per un bambino che chiedersi, guardando il cielo: «Chi ci abita?». Non c’è cosa più affascinante per un prete che parlare di Dio ai bambini. Massimo Camisasca, vescovo di Reggio Emilia-Guastalla, risponde con schiettezza e profondità alle domande dei bambini. Un piccolo libro fatto di domande e risposte su Dio, il mondo, la vita, delicatamente illustrato da Angela Marchetti.

Benvenuto a casa

di Massimo Camisasca

2014 - San Paolo

«Dio, a cui non mancava nulla, ha voluto che i fossimo anche noi. All’origine di tutto c’è Dio Padre che genera e accoglie il Figlio. Per questo il senso della vita è condividere».

La scoperta di essere amato è l’esperienza più importante della vita. Ed è quella che ci rende capaci di amare. Quando si vive la gioia di essere accolti, si diventa capaci di accogliere. […] Nel nostro tempo, in cui tanto si dibatte attorno alla convivenza fra uomini e donne di diverse culture, etnie, lingue e religioni, queste pagine vogliono offrire un itinerario semplice di accoglienza dell’altro. Qualunque persona è altro da me, ed è un segno del mistero che mi chiama, un segno di Dio nella mia vita. In questo modo, il più grande dono che noi viviamo nell’accglienza è di poter entrare dentro l’ultima onda dell’essere che ci costituisce. (dall’introduzione dell’autore).

In cammino dentro il mondo

di Massimo Camisasca

2014 - San Paolo

Durante la prima udienza che mi ha concesso, Benedetto XVI mi chiese: «Cosa è stato per lei scrivere la storia di CL?» Prima ancora che gli rispondessi, lui mi disse: «È stato frequentare per sette anni un corso di esercizi predicato da don Giussani».

Tre anni fa, l’Editore San Paolo mi chiese con insistenza di pensare alla ripubblicazione in un unico volume della storia di CL che avevo scritto tra il 1998 e il 2005. Ciò significava ridurre il numero delle pagine, rinunciare alle prefazioni, alle note e tagliare alcune parti per dare una dimensione di lettura più agevole dell’intera opera. Naturalmente i tre volumi con tutto l’apparato critico rimangono a testimonianza del lavoro percorso, ma spero che questa seconda pubblicazione possa accostare nuovi lettori al sapore di quegli anni. Non per una rievocazione piena di nostalgia, ma perché il senso profondo di questa storia innerva il nostro presente attraverso la realtà del movimento e di tutti coloro che sono stati toccati direttamente o indirettamente dalla grande personalità di don Giussani, che attende ancora di essere riscoperta.

Voglio che rimanga

di Massimo Camisasca e Gianluca Attanasio

2013 - Lindau

Questo libro raccoglie alcune meditazioni sul Vangelo di Giovanni scritte da due autori. La prima parte è opera di Massimo Camisasca, la seconda di Gianluca Attanasio.

Gianluca Attanasio, missionario a Napoli, dà in questo volume una lettura minuziosa e profonda del Vangelo di Giovanni, che permette al lettore di immedesimarsi con la vita di Gesù e dei suoi discepoli. Ci aiuta così a scoprire la profondità abissale di un testo ricchissimo, che rimanda sempre alla vicenda che lo ha fatto nascere e lo definisce: l’incontro con Gesù, il Figlio di Dio.
Massimo Camisasca, vescovo di Reggio Emilia – Guastalla, rivela, in una lunga introduzione, le scene del Vangelo che più hanno segnato il suo cuore.

Scuola di preghiera

di Massimo Camisasca

2012 - San Paolo

La preghiera si pone allo stesso livello del respiro: come senza respiro non c’è vita fisiologica, così senza preghiera non c’è vita dello spirito.

Gli apostoli hanno detto a Gesù: Insegnaci a pregare (Lc 11,1). Anche noi possiamo metterci alla sua scuola. In questo libro i lettori troveranno alcune delle esperienze che ho vissuto alla scuola di Gesù, autentico maestro della preghiera a Dio. Soprattutto nella liturgia. Ha scritto Romano Guardini: «L’atto supremo dell’uomo davanti a Dio è la celebrazione liturgica. Non un mero contemplare e amare; non un semplice stare in presenza pura, ma servizio ordinato; parola e azione, spirito e corpo e simbolo» (dalla prefazione dell’autore).