La Chiesa non ha bisogno di riformatori, ma di santi

Esce il nuovo libro di mons. Massimo Camisasca “La luce che attraversa il tempo”. Proponiamo un articolo pubblicato su tempi.it

Mons. Massimo Camisasca

La Chiesa sempre ha bisogno di essere riformata, ma la riforma non è questione di strutture o di innovazioni istituzionali: la Chiesa si riformerà attraverso la comunione vissuta, la Chiesa rinascerà attraverso i santi. Ovvero, come sintetizza il presidente della Cei cardinale Matteo Zuppi nella prefazione del libro: «La santità è la vera riforma della Chiesa».
È questo il succo di La luce che attraversa il tempo – Contributo per una riforma nella Chiesa, l’ultimo libro di don Massimo Camisasca, vescovo emerito di Reggio Emilia-Guastalla e fondatore della Fraternità sacerdotale San Carlo Borromeo.

Le due parti del libro

Frutto di anni di riflessioni e di appunti che fondono insieme la coscienza maturata nel cammino di conversione personale, il sapere pratico di 50 anni di attività pastorale e suggestioni teologiche, le 321 pagine di La luce che attraversa il tempo sono organizzate in due parti.
La prima si presenta come una «riflessione teorica sul significato di una riforma nella Chiesa» che viene corroborata da un’esposizione ragionata dei «quattro grandi pontificati riformatori che hanno segnato gli ultimi quarant’anni del secolo passato e i primi vent’anni del nostro», quelli cioè di Paolo VI, Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco.
La seconda parte tratteggia «alcune linee di rinascita delle varie vocazioni che, assieme, contribuiscono a formare il popolo di Dio», e cioè quelle di vescovo, sacerdote, chiamato alla vita religiosa e laico. Anche in questo caso alle considerazioni e ai giudizi che vengono espressi si abbinano esempi concreti di persone reali che hanno segnato la storia della Chiesa: Gregorio Magno, Bernardo di Chiaravalle e Carlo Borromeo per la figura del vescovo, Rolando Rivi e don Calabria per quanto riguarda i sacerdoti, san Francesco, madre Cànopi e madre Piccardo per quanto riguarda la vita religiosa, Chiara Lubich e don Luigi Giussani, cioè due fondatori di movimenti ecclesiali, relativamente ai laici, coerentemente con la convinzione di Camisasca che «il futuro della Chiesa nel nostro Occidente stanco e malato sarà probabilmente deciso dalla capacità di integrazione reciproca fra parrocchie e nuove comunità ecclesiali, fra “doni gerarchici e doni carismatici”».

La santità

Le otto pagine della Conclusione, che si presenta sotto il titolo “La santità”, sono fra le più entusiasmanti e commoventi di tutto il libro.
«Attorno a questi uomini semplici e straordinari, spesso strani e contemporaneamente spettacolo ai loro stessi occhi, nasce un popolo nuovo. Essi sono costruttori di unità fra gli uomini, attori di riconciliazione, creatori della Chiesa», ma solo perché il santo è tale in quanto lascia operare l’Altro, si rende trasparente e disponibile all’opera di Dio. Perché i santi non sono uomini senza macchia, ma uomini veri, consapevoli del proprio peccato, e tuttavia certi che seguire Cristo è l’ideale della vita, ciò per cui si è nati.

Quel “nonostante”

Le pretese nei confronti della Chiesa nascono dall’incomprensione della logica dell’incarnazione: «È Dio che ha voluto la Chiesa e che l’ha affidata a degli uomini fragili e peccatori. Ma egli non smette mai di guidarla e la rinnova continuamente attraverso la conversione di coloro che ne fanno parte. Tutti desidereremmo che la Chiesa fosse affidata e soprattutto guidata sensibilmente soltanto da persone sante. Invece, il tempo della storia è tempo di combattimento».
Detto con le parole di Ratzinger ne Il nuovo popolo di Dio:«La Chiesa non si fonda (come Israele) sulla moralità degli uomini, ma sulla grazia concessa contro la amoralità degli uomini, sulla umanizzazione di Dio. Essa si fonda su un “nonostante”, sul “nonostante” della grazia divina, la quale non si lega più a nessuna condizione, ma ha definitivamente deciso di salvare gli uomini».

Vita comune

Come si accennava all’inizio, il fondatore dei missionari di San Carlo insiste tantissimo su comunione e comunità: «Sono profondamente convinto che solo dalla vita comune potrà venire un’autentica riforma della vita nella Chiesa, che vinca le terribili concezioni e prassi odierne segnate dall’individualismo, dal carrierismo clericale (che coinvolge indifferentemente laici e preti) e dall’aridità affettiva di una vita cristiana basata sull’organizzazione, sui piani pastorali o sui progetti che dimenticano o emarginano la persona», scrive.
E ancora: «Le persone non vanno solo cercate e incontrate nelle periferie fisiche o esistenziali in cui si trovano. Hanno bisogno di una comunità che faccia loro scoprire la bellezza, il calore e la luce della comunione per cui sono fatte».

La vita della Trinità nel tempo

“Comunione per cui sono fatte” significa che non è per ragioni sentimentali o psicologiche o sociologiche che la Chiesa si esprime così, ma a motivo della natura trinitaria del Creatore: «La comunione, il cui desiderio è presente in ogni uomo e in ogni donna come sigillo dell’immagine di Dio in noi, è la vita della Trinità nel tempo».
Viene citato l’abate generale dell’ordine cistercense Mauro Lepori: «Conoscere e vivere la comunione trinitaria è il senso ultimo di ogni persona e di ogni comunità. La comunità cristiana ha un solo significato: permettere all’individuo di entrare, attraverso Cristo e la grazia dello Spirito Santo, nella comunione trinitaria, origine e fine di tutte le cose, origine e scopo di ogni cuore umano. Quando tutto ciò che una comunità offre e domanda non è al servizio di questa origine e di questo fine, essa diventa una comunità abusiva».
Per questo Camisasca racconta di avere cercato sempre di stimolare «forme espressive di vita comune» fra famiglie, sacerdoti, giovani, ecc.

Obbedienza all’autorità

Garanzia dell’esperienza comunitaria contro sentimentalismi e psicologismi è l’obbedienza all’autorità: «Non c’è cammino di risposta a Dio se non si risponde alla domanda: chi è l’autorità che seguo nella mia vita? Non basta riconoscere l’autorità del papa, del magistero, della tradizione, se tutto questo non si incarna nella sequela di una persona concreta la cui alterità e vicinanza sono per me garanzia del mio seguire Cristo e non me stesso».
In molti passaggi Camisasca chiarisce la dinamica dell’autorità, esigente per chi è chiamato a esercitarla non meno che per chi è chiamato a seguirla: «(…) noi impariamo dalle autorità terrene a riconoscere ed amare l’autorità e la paternità di Colui che è nel cielo. Per questo, grande è la responsabilità davanti a Dio e agli uomini di ogni autorità! I superiori possono facilitare o ostacolare il cammino dei loro fratelli verso la verità e il bene, possono svelare o offuscare il volto di Dio».

Carismi nella Chiesa

Il rapporto fra autorità gerarchica e carismi nella Chiesa è ripreso in sintonia col concetto di coessenzialità tra doni gerarchici e doni carismatici affermata nel documento della Congregazione per la dottrina della fede Iuvenescit Ecclesia.
«Innanzitutto è bene chiarire che il carisma dato ad un fondatore non si trasmette automaticamente ai suoi successori nella guida della comunità», scrive Camisasca. «Esso proviene da Dio che ha scelto una persona e l’ha ricolmata di un dono particolare del suo Spirito per aprire una strada nuova nella Chiesa. Alla sua morte, come è avvenuto per tutti i grandi carismi della storia ecclesiastica, il carisma è consegnato alla Chiesa, la quale continua a trarre ispirazione da esso per la nascita di sempre nuove comunità, anche indipendenti, in molti casi, dalla famiglia religiosa o dal movimento in senso stretto. (…) Nello stesso tempo, il carisma è affidato alla comunità nata da quel fondatore».
In definitiva, «la continuità di un carisma vive attraverso gli uomini, è salvata o è uccisa dagli uomini».

L’ombra nel pontificato di Giovanni Paolo II

Il testo è ricco anche di giudizi pungenti; il vescovo emerito di Reggio Emilia non rinuncia, in alcuni passaggi, alla parresia spesso auspicata da papa Francesco.
A proposito di Giovanni Paolo II scrive: «I viaggi (…) furono l’occasione in cui apparve la sua enorme statura. Ma la traccia che essi lasciarono non fu sempre profonda. Generalmente non furono proseguiti localmente dall’opera dei vescovi. Questo, forse, è il punto più in ombra del pontificato di Giovanni Paolo II: non fu adeguatamente aiutato a operare un ricambio nelle nomine dei pastori. (…) All’inizio del pontificato aveva attorno a sé, a mio parere, una buona equipe di collaboratori; successivamente le congregazioni, anche quelle più importanti, dedicat e al clero, alla vita religiosa, ai seminari, non ebbero la capacità di esprimere qualcosa di adeguato alla riforma che Giovanni Paolo II aveva intrapreso in tutta la Chiesa».

L’unico vero riformatore

Ripetuti strali vengono lanciati contro la clericalizzazione del laicato e la secolarizzazione del sacerdozio, definiti «i due veri ostacoli al cammino del popolo di Dio dopo il Concilio. Ambedue questi fenomeni hanno avuto origine nella Chiesa tedesca, supportati dalla teologia di Karl Rahner».
Molti altri sono i passaggi frizzanti presenti nel libro, alternati a citazioni formidabili, come quelle da Bernanos: «La Chiesa non ha bisogno di riformatori, ma di santi. (…) Non si riforma la Chiesa che soffrendo per essa, non si riforma la Chiesa visibile che soffrendo per quella invisibile». «Il mio desiderio», conclude Camisasca, «è stato mostrare che l’unico vero riformatore è Dio e dietro a lui gli uomini di Dio».

Massimo Camisasca
La luce che attraversa il tempo
Contributo per una riforma nella Chiesa
Edizioni San Paolo 2023

acquista ora

Contenuti correlati

Vedi tutto
  • Testimonianze

L’amore che trabocca

Suor Jennifer ha professato i voti definitivi lo scorso 8 aprile a Roma, ma tutto è iniziato in Minnesota e dal desiderio di un "di più".

  • suor Jennifer Andersen
Leggi
  • Testimonianze

Fiammelle che rischiarano la vita

Dall'incontro con un sacerdote, il ritorno alla fede e l'inizio di un cammino nuovo: la storia si suor Raffaella, che l'8 aprile ha professato i voti definitivi nelle Missionarie di san Carlo.

  • suor Raffaella D’Agostino
Leggi
  • Meditazioni

Dove Cristo è vivo

Non c'è uomo che, in fondo, non sia alla ricerca di Dio. La mattina di Pasqua ci insegna che si può trovare solo là dove Cristo è vivo.

  • Emmanuele Silanos
Leggi