Scoprire Cristo in città

Per un gruppo di giovani, vivere insieme un gesto di carità diventa l’occasione per un incontro rinnovato con Cristo. Un racconto dai sobborghi di Denver.

Roderick Copia
Canti e festa durante il Lunch in the Park con i giovani adulti della parrocchia di Nativity of Our Lord.

A dicembre, il gruppo di giovani adulti della parrocchia di Nativity a Broomfield, in Colorado, è stato invitato a collaborare per la prima volta con Christ in the City, una realtà nata per rispondere al crescente problema dei senzatetto a Denver. Tra le attività proposte, alcune volte al mese si organizza il Lunch in the Park, un pranzo in un parco nel centro della città preparato per gli abitanti della strada. 

Mi avevano colpito i racconti pieni di entusiasmo di un amico che aveva collaborato al Lunch in the Park e, incuriosito, avevo deciso di vedere di persona. Dopo aver partecipato per la prima volta ad uno di questi pranzi, ho notato che non riuscivo a smettere di parlarne ai miei amici e parrocchiani. Ne ho parlato anche nelle omelie! Ero rimasto molto commosso dalla carità e dalla gioia tangibili che ho visto nei volontari e nei senzatetto che partecipano ogni settimana. 

Un paio di settimane dopo gli amici di Christ in the City mi hanno chiesto di organizzare il pranzo di Natale per i senzatetto con i miei parrocchiani. Avendo in mente la bellezza di quello che avevo visto, ho deciso di coinvolgere il gruppo di giovani adulti che era appena nato in parrocchia, i quali hanno risposto subito con interesse ed entusiasmo. Dato che gli inverni a Denver possono essere molto freddi, abbiamo deciso di preparare una zuppa calda, oltre a panini, biscotti natalizi, cioccolata calda e frutta fresca. Tutti hanno dato il loro contributo: c’era chi ha cucinato, chi ha realizzato dei simpatici centrotavola natalizi decorati con bastoncini di zucchero, chi ha pensato alla musica e ai canti. Durante tutto il tempo della preparazione, sono stato davvero commosso dagli sforzi e dalla creatività dei giovani adulti che si erano coinvolti. Prima di arrivare al parco in centro città, ho ricordato a tutti, e anche a me stesso, il vero motivo per cui avremmo servito il pranzo con Christ in the City: imparare ad amare come Gesù, condividendo il nostro tempo gratuitamente con chi ha bisogno.

Ho ricordato a tutti il vero motivo per servire il pranzo: amare come Gesù

Quando siamo arrivati, ad alcuni di noi è stato chiesto di aiutare a sistemare i tavoli e le sedie, ad altri di servire la zuppa calda e i panini. La maggior parte è stata semplicemente invitata a condividere il pasto con i senzatetto e con i volontari degli altri gruppi. Verso la fine del pranzo, abbiamo iniziato i canti natalizi usando un tavolo come palco improvvisato. All’inizio c’è stato un po’ di imbarazzo, ma dopo qualche minuto molti dei partecipanti hanno iniziato a cantare, ballare e divertirsi. È stato bello sperimentare l’unità del nostro gruppo nel servire il pranzo assieme ai nostri amici di Christ in the City.

Quando il gruppo dei giovani adulti si è riunito il giorno successivo per il nostro regolare incontro settimanale, quasi tutti hanno parlato del pranzo nel parco, descrivendolo come l’esperienza più significativa della settimana. Uno di loro ha detto di essere stato talmente colpito dall’amore che i volontari hanno per i loro amici senzatetto da aver riconosciuto in esso la presenza di Cristo. Una giovane ha commentato di non aver mai visto nulla di simile prima e che “era quasi come se Cristo fosse realmente presente durante il pranzo”. 

Mentre stavamo concludendo la serata, ho ricordato a tutti che la bellezza, l’amore e l’amicizia che hanno sperimentato durante il pranzo al parco sono ciò che Cristo invita tutti noi a vivere ogni giorno. Ed è questo lo stesso scopo del proporre loro una vita dentro la compagnia cristiana: aiutarci a riconoscere Cristo nella vita. Abbiamo concluso la serata recitando il Memorare in ringraziamento per la bella esperienza di caritativa e chiedendo a Maria di aiutarci ad essere fedeli a quanto avevamo visto e vissuto.

Ogni mese, a partire dal primo pranzo di Natale, un piccolo gruppo di giovani della nostra parrocchia partecipa al Lunch in the Park per trascorrere del tempo con i nostri nuovi amici e imparare ad amare più liberamente.

Contenuti correlati

Vedi tutto
  • Testimonianze

Il battesimo di George

Nel buio di una baracca di lamiera, un pomeriggio luminoso e pieno di gioia. Un racconto dall'Africa.

  • Federica Gissi
Leggi
  • Testimonianze

Santi cioè concreti

Quasi cento ragazzi in pellegrinaggio sulle Ande, seguendo le orme di un santo sacerdote.

  • Patricio Hacin
Leggi